Collaborare per raggiungere l’obiettivo del 25% entro il 2025

World Health Organization

  1. La World Health Assembly (organo esecutivo della WHO) nel maggio 2012 approva 
    l’obiettivo storico 25by25 di ridurre i decessi prematuri dovuti a patologie non comunicabili (NCD, tra cui malattia cardiovascolare, diabete, cancro e patologie respiratorie croniche) del 25% entro il 2025.
  2. La World Health Assembly approva ulteriori obiettivi nel maggio 2013. Paesi a completamento dei piani NCD nazionali entro la fine del 2013.
  3. Gli stati membri UN e WHO sono impegnati a implementare i piani, per cui hanno bisogno di ulteriore sostegno ed evidenza.
  4. Gli stati membri UN e WHO richiedono assistenza tecnica per ridurre la mortalità dovuta a malattia cardiovascolare (CVD) e ottenere gli obiettivi relativi a terapia multifarmaco (MDT), ipertensione, integrazione della prevenzione della CVD e dell’assistenza nei sistemi sanitari e in altre aree principali.
  5. La WHO richiede sostegno continuo per l’obiettivo 25by25 per garantire l’integrazione a livello globale

World Heart Federation

  1. La World Heart Federation adotta l’obiettivo di riduzione del 25% per la CVD.
  2. La World Heart Federation e i suoi membri patrocinano l’inclusione della CVD nei piani NCD efficaci e interamente finanziati.
  3. La World Heart Federation aumenta la capacità dei membri per implementare e patrocinare i piani CVD e NCD, nonché dei partner sulla ricerca principale.
  4. La World Heart Federation e i suoi membri forniscono formazione in queste aree, ragguagliano i giornalisti su come trattare CVD e NCD e sfruttano le risorse private e pubbliche per sostenere il Champion Advocates Programme.
  5. La World Heart Federation continua a lavorare all’interno di una Alleanza NCD e a livello globale sulla CVD per richiedere sostegno e azione.